Notizie
DSC_0049

Coach Andreazza prima di gara 5 con Agrigento: “Mi aspetto una Fortitudo ancora più determinata”

La Paffoni è pronta al viaggio in Sicilia per affrontare la Moncada Agrigento nell’ultimo atto della semifinale playoff. Assieme a coach Andreazza analizziamo la sfida e la serie fin qui disputata.

Si torna ad Agrigento, lo si fa con quale spirito e quanto diversamente rispetto all’inizio della serie?

Si torna ad Agrigento in maniera quasi insperata, perché dopo lo 0-2 iniziale non era facile vincere due partite consecutive contro una squadra che, prima di venerdì, aveva perso solo quattro partite in tutto il campionato. Quindi, andiamo con grande rispetto per una squadra davvero forte che ci ha fatto vedere in gara 4, senza un giocatore chiave per loro, quanto sia riuscita a metterci in difficoltà”. 

Cosa ti aspetti da gara 5?

Sinceramente mi aspetto una Agrigento ancora più determinata perché giocare in casa gara 5 è un bel vantaggio, però sappiamo che se riusciamo a portare la gara in equilibrio nei minuti finali magari il divario si può assottigliare”. 

Serie così lunghe sono logoranti, la Fulgor sta avendo certezze di rotazioni più lunghe e tantissimi uomini in grado di fare male ad Agrigento, può essere la chiave?

Il fatto che dal primo settembre tutti dicano che Agrigento è corta mi sembra una sciocchezza colossale, altrimenti non avrebbero perso solo 4 partite, sono una squadra con equilibri solidissimi anche nel corso dei quaranta minuti, chi entra dalla panchina – anche con poco spazio – sa cosa deve fare e questo va a merito di coach Catalani, che è uno dei migliori giovani allenatori di questa categoria, per cui mercoledì sera conterà solo quello che vedremo realmente in campo, magari con protagonisti inaspettati. Con la speranza che abbiano la canotta della Fulgor”.

Appuntamento, dunque, a mercoledì 9 giugno alle ore 19:00, quando al PalaMoncada la Paffoni proverà un blitz che rimarrebbe nella storia del Club e dell’intera Lega. 

 

Share Button
Powered by SGP Creativa